Le nuove recensioni su Booking.com: cosa cambierà per gli hotel?

Una novità arrivata da pochissimo tempo che ha già scatenato i mal di pancia dei titolari di strutture ricettive. Cosa è cambiato in realtà e come deve comportarsi l’albergatore nei confronti di questa nuova possibilità che hanno gli utenti di lasciare giudizi sul proprio soggiorno?

La psicologia è forse il campo più affascinante e allo stesso tempo insondabile relativo al genere umano.

Concreto eppure intangibile, indissolubilmente legato ai costumi e alle convenzioni sociali.

Col passare degli anni e lo sdoganamento di infiniti perbenismi, reali o presunti, siamo arrivati ad ammettere a noi stessi tante piccole verità che prima tenevamo chiuse a chiave nel nostro armadio storicamente pieno di scheletri.

Certi meccanismi sono sempre esistiti, solamente erano più semplici da gestire (e da occultare).

La nostra natura, nel bene e nel male, è immutata dalla notte dei tempi.

Ciò che cambia, tanto velocemente quanto l’avvicendarsi delle stagioni, è la possibilità di sfogarla.

Gli strumenti attraverso cui possiamo esprimerci sono diventati efficacissimi e, quel che è più determinante, alla portata di tutti.

Così oggi abbiamo un nuovo tipo di socialità, immersa fino al collo nella globalizzazione, che ci rende assolutamente dipendenti dai giudizi altrui (meglio se positivi).

Ma è davvero tutto nuovo? Tutto ciò che è relativo al pettegolezzo, per utilizzare la forma nostrana di gossip, affonda le proprie radici nella storia del Mondo.

Partendo dall’anziana signora del villaggio che, con la scusa di una visita di cortesia, andava a parlare dei fatti altrui porta a porta.

Quindi ciò che prima era casereccio, gusto speciale che ancora ci serbiamo di assaporare quotidianamente, con la nascita dei mezzi di comunicazione di massa è diventato globale.

Ci facciamo i fatti di tutti e la parte più affascinante è la possibilità che abbiamo di commentarli.

L’etimologia del sostantivo pettegolo, almeno quella più comunemente nota, è di per sé assai esplicativa.

Dal latino petere (dirigersi verso), da cui deriva peditum. Per assonanza è semplice arrivare al nostro peto.

Il veneziano poi lo ha trasformato nel (quasi) vezzeggiativo petegolo: piccolo peto.

Ed ecco che abbiamo la definizione più appropriata per l’incontinenza verbale (o scritta, con i tempi che corrono) che oggi governa la quotidianità dei paesi presunti) civilizzati.

Ci meravigliamo dunque di cosa? O meglio, ci arrabbiamo per cosa? Per la libertà di espressione e di parola?

Ricordiamoci qual è il più grande social network dell’epoca moderna. Mark Zuckerberg, un tempo geek asociale confinato nelle prestigiose stanzette di Harvard, inventava Facesmash per dare giudizi sulle ragazze del campus.

Per poi trasformare la sua creazione in Facebook, dove tutti si fanno gli affari di tutti e ci esprimono un parere.

Veniamo al dunque, dopo questo breve e allo stesso tempo necessario excursus: booking.com sta cambiando il sistema delle recensioni.

I mal di pancia degli albergatori di tutto il globo creano una scossa simile a un terremoto.

Mentre gli utenti godono della possibilità ancor più scientifica di manifestare le proprie bizze.

Ma se fosse un bene?

Sappiamo tutti a memoria la lezione. La Brand Reputation online, oggigiorno, vale più delle nostre stelle.

È l’insieme di tutto ciò che di buono (e, ahinoi, di cattivo) rappresenta la nostra struttura.

Per quanto sia dura accettare la sadica roulette di alcuni giudizi, per quanto sia necessario ammettere la difficoltà di riscontrare oggettività, è vitale mantenersi lucidi.

La statistica non mente, il punteggio che ci viene assegnato è lo specchio fedele di ciò che valiamo agli occhi di chi ospitiamo.

Perciò, analizzando lo stato attuale dell’arte, è accettabile che quattro faccine racchiudano l’intero spettro di emozioni da cui nasce un’opinione?

Per neofiti o smemorati, attualmente si ha la possibilità di valutare sulla base di una scala di valori rappresentata da quattro non troppo simpatiche emoji.

Numericamente scomposte nei seguenti valori: 2,5 – 5 – 7,5 – 10.

Nella migliore delle ipotesi, un cliente attento valuta la simulazione finale di punteggio e tara la qualità/quantità del giudizio finale.

Mancava però tante, troppe sfumature. E ciò impedisce, sovente, che la recensione scritta rispecchi fino in fondo la votazione assegnata.

Con l’ultima modifica, torniamo finalmente a scuola, con una graduatoria che va dall’1 al 10.

Booking.com ama però essere controverso, sebbene sia corretto attribuirgli la qualità immensa di chi studia quotidianamente il marketing del settore al fine di concretizzarne le necessità primarie.

Ciò che lascia perplessi è la decisione di scindere i giudizi sulle singole categorie, che rimangono invariate, da quello totale.

Per essere più precisi, potrei valutare tutto al massimo e comunque assegnare un 2 alla mia esperienza.

Ci si affida al buon senso degli utenti, poco da fare.

Il meccanismo entrerà gradualmente nelle nostre vite, da addetti ai lavori e da Viaggisti. Vedremo che benefici porterà.

La vita dell’albergatore rimarrà ancora a lungo indissolubilmente legata a questo gioco.

Il consiglio è evitare che governi preventivamente le nostre azioni.

È nato un forte timore reverenziale nei confronti dell’ospite.

Una guerra psicologica che condiziona le azioni quotidiane di tutto lo staff.

A prescindere dall’obiettivo sano di ben figurare, non dimentichiamo però qual è il nostro scopo primario: far vivere agli ospiti uno splendido soggiorno.

Non li trattiamo bene per paura che poi ci infamino agli occhi del mondo.

Trattarli bene è la ragion d’essere dell’ospitalità.

Scriveteci. Per qualsiasi informazione o per richiedere un consulto conoscitivo.

NE DOUTEZ PLUS. APPELEZ-NOUS, ÇA NE VOUS ENGAGE À RIEN : CELA PEUT VOUS INDIQUER LA VOIE DU SUCCÈS !
● Vous voulez augmenter la rentabilité de votre hôtel ?
● Vous souhaitez externaliser la gestion des tarifs et des canaux de distribution ?
● Vous désirez augmenter le prix moyen par chambre en haute saison ?
● Vous voulez désaisonnaliser ?
● Vous souhaitez réguler vos flux de trésorerie ?
RENSEIGNEZ VOS NOM ET PRENOM
RENSEIGNEZ VOTRE EMAIL
RENSEIGNEZ VOTRE ENTREPRISE
Vos données ne seront jamais cédées à des tiers. En poursuivant vous acceptez nos conditions d’utilisation L.196/2003
INDIQUEZ VOTRE FONCTION
DE QUOI AVEZ-VOUS BESOIN
FORGET ALL YOUR DOUBTS. CONTACT US FOR A CHAT WITHOUT COMMITMENT: IT CAN SHOW YOU THE WAY TO SUCCESS!
● Do you want to increase the profit margin of your hotel?
● Do you want to outsource the management of pricing and distribution channels?
● Do you want to increase the average room price in high season?
● Do you want to deseasonalize?
● Do you want to regulate your cash flow?
ENTER YOUR NAME
ENTER EMAIL
INDICATE COMPANY
Your data will never be disclosed to third parties. I agree L.196 / 2003
INDICATE ROLE
WHAT DO YOU NEED
Vuoi fare Revenue? Qui c'è tutto quello che ti serve!
E-BOOK
SCARICALO GRATUITAMENTE

REVENUE MANAGEMENT
MIGLIORA VENDITE E PROFITTI
SOFTWARE REVOLUTION PLUS
RICHIEDILO E PROVALO GRATIS
10 COSE CHE DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE DI REVENUE MANAGEMENT
RICHIEDICI UNO SCREENING GRATUITO DELLA TUA STRUTTURA RICETTIVA
TOCCA CON MANO I VANTAGGI DEL NOSTRO SOFTWARE PER IL REVENUE MANAGEMENT