Strutture di mare: ecco alcune statistiche sull’andamento occupazionale 2020

In queste settimane si sta parlando molto di come andrà la stagione estiva 2020 e dell’impatto che il Covid-19 avrà sui risultati delle strutture. In quest’articolo vogliamo mostrarvi alcune statistiche (estrapolate dal nostro software Revolution Plus) che riguardano l’occupazione previsionale delle nostre strutture di mare e che riteniamo di buon auspicio per la stagione alle porte.

Partiamo col dire che in tutte le regioni abbiamo riscontrato uno zoccolo duro di occupazione, maturato soprattutto prima dello scoppio dell’epidemia, che è rimasto più o meno stabile durante gran parte dei 2 mesi di lockdown.

Ciò significa che tendenzialmente chi aveva prenotato le strutture per la stagione estiva prima del lockdown non ha cancellato.

Nello specifico, nella finestra dal 9 marzo al 27 aprile, l’occupazione previsionale per le strutture di mare per tutta la stagione giugno-settembre a livello nazionale si è stabilizzata sul 20%.

Inoltre abbiamo notato, facendo un confronto tra l’occupazione previsionale analizzata il 27 aprile e quella all’11 maggio (contestualmente all’effetto psicologico positivo generato dall’allentamento delle restrizioni), che in queste 2 settimane l’occupazione media di tutte le nostre strutture di mare ad agosto è salita dal 20,47% al 20,89%, su settembre siamo passati dal 15,45% al 15,64%, mentre su ottobre (mese che, per le variabili compensative, potrebbe rappresentare una piacevole sorpresa) l’occupazione è salita dal 6,49% al 6,87%.

Incrementi che, per quanto lievi, rimangono pur sempre incrementi, e, considerando il periodo che stiamo vivendo, ricominciare a vedere dei segni + è un’indicazione forte che stiamo ricevendo dal mercato e che ci fa ben sperare per le prossime settimane.

Vediamo adesso nello specifico alcuni trend positivi che abbiamo rilevato dalle nostre analisi statistiche.

L’impatto delle reti: l’andamento del Friuli-Venezia Giulia e della Campania

Le reti di Grado e di Lignano (entrambe in Friuli), seguite da anni dal Franco Grasso Revenue Team, sono ormai considerate modelli di collaborazione e condivisione dei dati tra strutture della stessa destinazione, con l’obiettivo di apportare benefici al cluster, all’indotto e all’intero brand geografico di riferimento.

La domanda lecita che però un osservatore esterno potrebbe porsi è: ma far parte di una rete incide davvero positivamente sui risultati della destinazione e delle singole strutture?

Ebbene, analizzando i dati di tutte le strutture che seguiamo attualmente in consulenza, la risposta è “sì”.

Abbiamo infatti riscontrato che il Friuli-Venezia Giulia si trova costantemente sul podio della classifica delle regioni per quanto riguarda l’occupazione previsionale dei mesi estivi per le strutture di mare (1° posto a giugno e luglio, 2° posto ad agosto e settembre). Ciò significa che, di tutte le nostre strutture nelle regioni italiane, quelle del Friuli hanno subito il minor impatto di cancellazioni sulla media stagionale.

Indubbiamente la collaborazione instaurata negli anni tra le strutture ha portato le 2 destinazioni (Grado e Lignano) ad essere sempre più conosciute, apprezzate e prenotate, permettendo quindi di raggiungere dei buoni tassi di occupazione già prima dello scoppio della pandemia.

Inoltre, la cultura revenue che si è radicata grazie al nostro lavoro ha portato le strutture a reagire meglio alla crisi.

L’alto tasso di strutture extra-alberghiere all’aria aperta, che fa parte del nostro campione friulano, è stato un altro fattore che ha inciso positivamente, consentendo al Friuli di mantenere una buona percentuale di occupazione per la stagione anche in seguito agli ultimi 2 mesi di rallentamento delle prenotazioni.

Inoltre abbiamo riscontrato un analogo trend anche per la Campania (3° posto a giugno, 2° a luglio e 1° ad agosto), regione in cui di recente abbiamo inaugurato una rete (Cilento), la quale sta già raccogliendo i frutti della cooperazione tra le strutture ricettive del comprensorio.

Ad aumentare i tassi di occupazione del Cilento nei mesi estivi contribuisce poi la stagionalità tipicamente corta di questa destinazione, anche se la rete si è posta l’obiettivo della destagionalizzazione.

Strutture all’aria aperta e appartamenti

Ricollegandoci a quanto detto prima, dalle nostre statistiche emerge un altro aspetto che avrà un impatto positivo sui risultati dei prossimi mesi: le strutture extra-alberghiere e all’aria aperta sono le tipologie che hanno mantenuto i tassi più alti di occupazione previsionale.

In particolare troviamo i campeggi (1° posto a giugno, luglio e agosto e 3° a settembre), i villaggi (2° posto a giugno, luglio e agosto) e gli appartamenti (3° posto ad agosto e 1° a settembre) a farla da padrone.

Nei primi 2 casi si tratta di strutture all’aria aperta che, come intuibile dall’analisi fatta in precedenza sul Friuli, hanno subito meno cancellazioni perché tendenzialmente vengono considerate più salubri, in linea col distanziamento sociale e quindi meno esposte al rischio di contagi.

Per quanto riguarda invece gli appartamenti, di solito in queste strutture il contatto con altri clienti o con il personale è ridotto al minimo se non inesistente, e questo dà maggiori garanzie di sicurezza ai clienti che prenotano.

Quindi possiamo prevedere, sulla base di dati statistici certi, che le strutture all’aria aperta e gli appartamenti si riprenderanno prima delle altre tipologie.

Tuttavia, il fatto che – nonostante tutto – continui in generale ad esserci domanda per quest’estate, anche se non ancora ai livelli dell’anno scorso, ci porta a prevedere che anche gli hotel seguiranno la scia positiva delle strutture extra-alberghiere e degli appartamenti, man mano che la diffidenza e la paura nei confronti del viaggio e delle vacanze svaniranno.

Continueremo questa analisi anche nelle prossime settimane per monitorare l’andamento.

Scriveteci. Per qualsiasi informazione o per richiedere un consulto conoscitivo.

NE DOUTEZ PLUS. APPELEZ-NOUS, ÇA NE VOUS ENGAGE À RIEN : CELA PEUT VOUS INDIQUER LA VOIE DU SUCCÈS !
● Vous voulez augmenter la rentabilité de votre hôtel ?
● Vous souhaitez externaliser la gestion des tarifs et des canaux de distribution ?
● Vous désirez augmenter le prix moyen par chambre en haute saison ?
● Vous voulez désaisonnaliser ?
● Vous souhaitez réguler vos flux de trésorerie ?
RENSEIGNEZ VOS NOM ET PRENOM
RENSEIGNEZ VOTRE EMAIL
RENSEIGNEZ VOTRE ENTREPRISE
Vos données ne seront jamais cédées à des tiers. En poursuivant vous acceptez nos conditions d’utilisation L.196/2003
INDIQUEZ VOTRE FONCTION
DE QUOI AVEZ-VOUS BESOIN
FORGET ALL YOUR DOUBTS. CONTACT US FOR A CHAT WITHOUT COMMITMENT: IT CAN SHOW YOU THE WAY TO SUCCESS!
● Do you want to increase the profit margin of your hotel?
● Do you want to outsource the management of pricing and distribution channels?
● Do you want to increase the average room price in high season?
● Do you want to deseasonalize?
● Do you want to regulate your cash flow?
ENTER YOUR NAME
ENTER EMAIL
INDICATE COMPANY
Your data will never be disclosed to third parties. I agree L.196 / 2003
INDICATE ROLE
WHAT DO YOU NEED
Vuoi fare Revenue? Qui c'è tutto quello che ti serve!
E-BOOK
SCARICALO GRATUITAMENTE

REVENUE MANAGEMENT
MIGLIORA VENDITE E PROFITTI
SOFTWARE REVOLUTION PLUS
RICHIEDILO E PROVALO GRATIS
10 COSE CHE DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE DI REVENUE MANAGEMENT
RICHIEDICI UNO SCREENING GRATUITO DELLA TUA STRUTTURA RICETTIVA
TOCCA CON MANO I VANTAGGI DEL NOSTRO SOFTWARE PER IL REVENUE MANAGEMENT